• BIOVALLEY INVESTMENTS: ACCELERATORE DI IMPRESE


interreg_ITALIA-SLOVENIJA
Interreg Italia-Slovenia: il “TRAIN” di ICGEB e BioValley è stato finanziato.
Il progetto “TRAIN”, presentato nell’ambito del bando Interreg Ita-Slo n° 01/2016 – 1b, è stato
DSC_0199_2
“Il futuro economico di Trieste”…
…passa per la crescita del Porto delle merci dell’Alto Adriatico, connesso con il Porto dei
nadiatools_foto
Nadiatools ammesso dalla Regione FVG
BioValley Investments, capofila del progetto “Nadiatools”, quarto nella graduatoria “strategici” 1.3.b del Por Fesr 2014-2020

Altro

Chi siamo

La Società, che agisce come un Family and Friends Office, gestisce gli investimenti effettuati in imprese del settore BioHighTech (biomedicale,biotecnologie,bioinformatica) ed operanti nel Friuli Venezia Giulia e nelle regioni limitrofe  dell’area AlpeAdria, per accelerarne lo sviluppo ed il valore patrimoniale.

Il presidente e fondatore della società, Diego Bravar, detiene la maggioranza del capitale sociale (3,5 mln € al 1/7/17) col il 52,7%. Altri soci significativi sono: Friulia Spa con il 14,3%, VenetWork che partecipa attraverso la Bio Holding Srl con il 15,6%, Dima3 Srl con il 5,7%, Samer & Co. Shipping Spa con il 2,9%. Il rimanente 8,8% é detenuto da altri 11 soci.

Il Presidente del Consiglio di Amministrazione è lo stesso Diego Bravar, ingegnere elettronico, fondatore e presidente di TBS Group fino al 2017, vicepresidente di Confindustria Venezia Giulia e presidente di Formindustria.

Il Vicepresidente è Paolo Giribona, ingegnere elettronico, docente alla facoltà di medicina dell’Ateneo triestino, consulente dei maggiori ospedali italiani e di The World Bank, Washington D.C. (settore “Health & Human Development”).

I consiglieri del Consiglio di Amministrazione sono Roberta Terpin, Enrico Samer, Davide Jacur Romanin, Tiziano Busin, Marino Malvestio.

Il Collegio Sindacale è composto da Claudio Sambri, Presidente; e dai Sindaci Luca Valentincich e Mario Calligaris.

Il Comitato per l’analisi e la valutazione degli investimenti è presieduto da Giovanni Loser, laurea alla Luigi Bocconi di Milano, ex general manager di Illycaffè, mentre la funzione di Project Manager è presidiata da Irene Lasorsa, ingegnere clinico e biomedico.

 

Biovalley
Il BioHighTech è un settore industriale ad elevato valore aggiunto altamente innovativo e dinamico rappresentato da aziende che operano nei comparti delle tecnologie biomediche, delle biotecnologie, dell’informatica medica e della bioinformatica strettamente connessi tra loro, con un fatturato a livello internazionale di circa 600 mld $ (di cui circa la metà nelle tecnologie biomediche) ed in crescita con percentuali che vanno dal 4% (tecnologie biomediche) al 7-10% (biotecnologie e informatica medica/bioinformatica). Anche in Europa il solo mercato delle tecnologie biomediche (MedTech) vale 100 mld €, cresce del 4% all’anno e comprende oltre 25 mila aziende, delle quali 85% PMI. Solo nel Friuli Venezia Giulia le imprese del settore BioHighTech sono circa 150, con un fatturato di circa 700 mln € con una crescita media del 4% all’anno, risultato ottenuto anche negli ultimi anni di crisi economica. Lo sviluppo di questo “sistema regionale industriale” innovativo nel settore della salute è stato favorito soprattutto dagli ingenti investimenti del Governo Italiano negli enti di ricerca di Trieste (circa 300 mln € all’anno negli ultimi 30 anni) e dagli altri finanziamenti negli enti di ricerca e socio sanitari della Regione FVG, che hanno creato un vero e proprio sistema della ricerca che opera anche nel settore della salute che così si evidenzia:

✓ attività di ricerca scientifica e di formazione svolte nel settore dalle Università di Trieste, di Udine e dalla Scuola Superiore di Studi Avanzati, SISSA di Trieste,

✓ la concentrazione di Enti di ricerca regionali di respiro internazionale che operano anche nel settore, quali:

  • Elettra Sincrotrone Trieste, centro di ricerca multidisciplinare internazionale di eccellenza, specializzato nell’applicazione della radiazione di sincrotrone e dei laser ed elettroni liberi nella scienza della materie, che mette a disposizione dell’industria l’insieme delle proprie competenze, capacità tecnologiche e prodotti per offrire servizi a valore aggiunto a supporto dello sviluppo di prodotto e di processo delle aziende nazionali ed estere, del settore biomedico, farmaceutico, agroalimentare e manifatturiero;
  • ICGEB di Trieste, Centro Internazionale di Ingegneria Genetica e Biotecnologie, sostenuto da oltre 60 paesi inclusi i paesi BRICST, importante punto di accesso al sistema della ricerca a livello internazionale nel settore dell’ingegneria genetica e nella promozione allo sviluppo di prodotti e servizi biotecnologici nel paesi in via di sviluppo;

✓ il sistema integrato e multisettoriale di sanità e protezione sociale di cui fanno parte l’Azienda Pubblica di Servizi alla Persona di Trieste, ITIS, oltre alle aziende ospedaliere di Trieste e Udine, affiancate dagli istituti di ricerca e cura a carattere scientifico, Burlo Garofolo di Trieste e CRO di Aviano;

✓ il sistema integrato dal parco scientifico e tecnologico nazionale (Area Science Park di Trieste) che con i parchi scientifici e tecnologici regionali (Polo Tecnologico di Trieste e Pordenone, Parchi scientifici e tecnologici di Udine e di Amaro), anche con la connessa funzione di incubatore di start-up, operano anche nel settore della salute;

✓ la posizione geografica del Friuli Venezia Giulia e delle altre regioni dell’area Alpe Adria che consente la collaborazione transfrontaliera ed internazionale, anche nel settore della salute.

La virtuosa interazione tra il sistema imprenditoriale del BioHighTech ed il sistema dell’Università, Ricerca, Formazione e Sociosanitario regionale trova applicazione nella produzione di beni e servizi nel settore della salute, basati sull’innovazione dei comparti industriali della sanità (esempio biomedico, farmaceutico e/o biofarmaceutico); del sociale (esempio domotica e teleassistenza); dell’agroalimentare (esempio nutriceutica); dell’ambiente (esempio biotecnologie); tutti collegati ad un concetto di benessere della popolazione.

Lo sviluppo dell’innovazione nel settore della salute rientra, inoltre, nel programma Smart Health di specializzazione intelligente della Regione FVG e potrebbe essere velocizzato dall’intervento della Biovalley Investments S.p.A. che, mettendo a disposizione capitale finanziario, esperienza industriale e commerciale, potrebbe favorire l’interazione tra il sistema delle imprese BioHighTech ed il sistema della ricerca e socio-sanitario che operano nel settore in Friuli Venezia Giulia e in altre regioni confinanti dell’area Alpe Adria (Veneto, Trentino Alto Adige, Slovenia, Austria e Croazia), e contribuire ad accelerare la crescita di questo ecosistema imprenditoriale altamente innovativo e dinamico.

Cosa facciamo

La Biovalley Investments S.p.A. nata nel 2014, sulla base della consolidata esperienza industriale del fondatore ed azionista di maggioranza, focalizza la gestione dei propri investimenti su due obiettivi di lungo termine:

  • il sostegno allo sviluppo delle micro, piccole e medie imprese operanti nel BioHighTech nell’area Alpe Adria ed in particolare nella regione Friuli Venezia Giulia. La stessa Regione ha, infatti, individuato il settore Smart Health  come una delle cinque strategie regionali di specializzazione intelligente (S3-Smart Specialization Strategy). Biovalley Investments S.p.A. ha collaborato attivamente fin dalla sua costituzione allo sviluppo di questo progetto per conto di CBM, delegato dalla stessa Regione FVG alla gestione del cluster regionale nel settore della salute.
  • il sostegno ed il consolidamento delle attività di R&D e di business development del nuovo gruppo Pantheon-TBS, leader a livello europeo nei servizi di ingegneria clinica, che si è costituito a seguito dell’OPA di Delta 2 (gruppo Permira) conclusa a luglio 2017 con l’acquisizione di TBS Group, società fondata dallo stesso Diego Bravar nel 1987;

Più dettagliatamente la Biovalley Investments S.p.A. opera attraverso:

  • partecipazione minoritaria nel capitale di rischio delle micro/piccole e medie imprese. Ogni singolo investimento viene deciso dall’organo amministrativo in base alle caratteristiche peculiari dell’impresa target e del suo mercato. La decisione è frutto di un giudizio complessivo maturato a seguito di un’attenta analisi delle credenziali dell’impresa e/o degli imprenditori e/o del management, dei bilanci approvati, di business plan e/o piani industriali, prospettive del mercato dei beni/servizi offerti dall’impresa. L’investimento cumulato di Biovalley Investments S.p.A. nel capitale di ogni singola impresa è di minoranza anche considerando il coinvestimento con altri partner finanziari e/o industriali. La durata indicativa di ogni investimento sarà di 5-7 anni; i potenziali interlocutori per le cessioni potranno essere soggetti industriali e/o finanziari, italiani e/o esteri.
  • Partecipazione minoritaria stabile (0,5%) nel capitale di rischio di TBS Group, anche dopo l’OPA del Gruppo Pantheon lanciata a giugno 2017 attraverso il veicolo Double 2 Spa. Infatti, è previsto che la sede di Trieste divenga un centro di eccellenza per le attività di ricerca e sviluppo del nuovo gruppo integrato, non solo nelle attuali tecnologie biomedicali, ma anche per la nuova frontiera  di confluenza con l’IT e l’ICT. TBS è la più grande tra le aziende aderenti a BioHighTech.net.  Lo scopo di questa rete è, infatti, soprattutto quello di accelerare la crescita delle imprese implementando le sinergie industriali tra le micro e piccole imprese (che rappresentano la maggioranza delle imprese della rete) e le poche medie e/o grandi imprese regionali (come TBS Group).
  • Analisi e strutturazione di piani di impresa e progetti di ricerca mediante la fornitura di prestazioni consulenziali di elevata professionalità ed esperienza nel campo biomed, bioICT, biotech, ovvero nel comparto biohightech.
  • Individuazione e valorizzazione delle possibili sinergie con realtà imprenditoriali innovative nell’ICT ed in particolare nell’ Internet of Things, anche collegate ai settori industriali tradizionali operanti nella salute e nel benessere (well being).

I piani di sviluppo 2018-2021 di BioValley Investments Spa e di BioValley Investments Partner Srl prevedono l’ampliamento delle collaborazioni, accompagnate da investimenti che sono in via di definizione, anche, a titolo di esempio, con aziende localizzate in:

  • Business Innovation Center (BIC), noto come BIC incubatori FVG, che attualmente ospita la sede di BioValley Investments,  e che dal 1989 ha contribuito alla creazione di oltre 220 aziende ad alta intensità tecnologica che oggi danno impiego ad oltre 2.500 lavoratori. La stessa TBS Group ha mosso i primi passi, oltre 30 anni fa, in questa sede.
  • Area Science Park, il parco scientifico di Trieste, sviluppato su una superficie di 23.000 mq di laboratori altamente specializzati, che pone l’interazione tra ricerca e industria come fattore trainante per garantire sviluppo e crescita. Molte della attività economiche nate o sviluppate in seno a questa istituzione scientifica sono entrate negli interessi e nel sostegno di BioValley Investments (Tbs Group, O3, Bilimetrix)
  • Urban Center, che verrà realizzato dal Comune di Trieste con i fondi POR-FESR 2014-2020 in corso Cavour 2/2 e destinato alle micro, piccole e medie aziende del settore BioHighTech. Un progetto da 4,5 mln €  di cui 3 mln € per l’insediamento di 50 aziende impegnate nello sviluppo dell’IoHT (Internet of health things) nei settori della salute, del welfare e dell’ambiente.
  • Altri parchi scientifici e tecnologici dell’Area Alpe Adria.

 

Rete di imprese: BioHighTech-Net

La Biovalley Investments S.p.A. è impresa capofila della rete di imprese denominata BioHighTech-NET e costituita a Trieste ai sensi e per gli effetti dell’articolo 3, commi 4-ter e seguenti della Legge 9 aprile 2009, n. 33, così come modificato dall’art. 42 del D.L. 31 maggio 2010, n. 78, convertito con legge 30 luglio 2010, n. 122.
La rete di imprese è un accordo di collaborazione tra imprese che consente, pur mantenendo la propria indipendenza, autonomia e specialità, di realizzare progetti ed obiettivi condivisi nell’ottica di incrementare la capacità innovativa e la competitività sui mercati internazionali.
Alla rete hanno già aderito 35 imprese delle regioni FVG e Veneto che operano nel settore BioHighTech e/o nei servizi a supporto delle stesse.

1SUN S.r.l.
A.P.E. RESEARCH S.r.l.
AB ANALITICA S.r.l.
ALIFAX S.p.A.
ASOLTECH S.r.l.
BILIMETRIX S.r.l.
BIOVALLEY INVESTMENTS S.p.A.
CONTENTO TRADE S.r.l.
ENERGETICA & CO S.r.l.s.
ESTECO S.r.l.
EXACT LAB S.r.l.
FACAU S.r.l.
FEATURE JAM S.r.l.
GLANCE VISION TECHNOLOGIES S.r.l.
IGA TECHNOLOGY SERVICES S.r.l.
INCIPIT S.r.l.
INDUSVI S.r.l.
INSIEL MERCATO S.p.A.
ITAL TBS TELEMATIC &BIOMEDICAL SERVICES S.p.A.
LOGIC S.r.l.
MATHITECH ENGINEERING GROUP S.r.l.
MEDISHARE S.r.l.
METLAB S.r.l.
O3 ENTERPRISE S.r.l.
PLAN 1 HEALTH S.r.l.
PROMEDITEC
STUDIO SANDRINELLI
SWISSTECH S.r.l.
T&B e Associati
TELEVITA S.p.A.
THUNDERNIL S.r.l.
TINTI S.n.c.
TRANSACTIVA S.r.l.
VIVABIOCELL S.p.A.
ZETA RESEARCH S.r.l.

 

Collegati con il portale della rete

Partecipazioni

La Biovalley Investments S.p.A. è socio unico di

BioValley Investments Partner S.r.l., società finanziaria nata per rendere ancora più efficace l’ecosistema imprenditoriale a sostegno del settore BioHighTech e ampliare la raccolta di investimenti finanziari destinati al suo sviluppo, attraverso impegni di controllo maggioritario.

 

Attualmente la Biovalley Investments S.p.A. è socio di minoranza di:

Bilimetrix s.r.l. microazienda nata nel 2012, attiva nel settore bio-medicale, ha sviluppato il Sistema Bilistick®, dispositivo medico per la diagnosi precoce dell’ittero neonatale (iperbilirubinemia).

O3 Enterprise s.r.l. microazienda operante dal 2008 nel  settore dell’informatica medica, sviluppa in particolare soluzioni innovative e visualizzazione di immagini biomediche (PACS – Picture Archiving Comunication System).

TBS Group S.p.a. impresa leader nel settore BioHighTech dal 1992 opera nei servizi di ingegneria clinica in outsourcing con un valore della produzione di oltre 230 mln € generato in 21 paesi. Da luglio 2017, a seguito di OPA lanciata dai Fondi Permira, si è costituito il gruppo Pantheon-TBS, un colosso nel settore da 400 mln €.

T&B e Associati S.r.l. impresa di Project Management per la realizzazione di progetti innovativi nel settore BioHighTech. La sede è presso l’Area Science Park di Basovizza ed ha competenze multidisciplinari ed internazionali per la consulenza finanziaria e legislativa, anche nel campo della ricerca, in grado di fornire know how per il miglioramento di efficienza e redditività.

Partnership: EURO-BioHighTech 2017

BioValley Investments, come impresa capofila di BioHighTech NET, ha costituito, assieme a Aries – Azienda speciale della Camera di Commercio di Trieste, e a CBM – Consorzio di Biomedicina Molecolare di Trieste, il comitato promotore di EURO-BioHighTech, per l’edizione 2017 che si svilupperà il 21 e 22 settembre a Trieste.

A tale Salone dell’Innovazione, presentato nel programma di Trieste Next 2017 – Salone Europeo della Ricerca scientifica, parteciperanno numerose imprese del settore BioHighTech ed Enti di ricerca e Socio-sanitari dell’Europa Centro-Orientale e dei Balcani.

> Scarica il folder

> Download the folder

—> Visita il sito di Euro-BioHighTech

comitato-biohightech-companiesday

 

Proponi

Biovalley Investments S.p.a. esamina proposte di investimento provenienti da micro, piccole e medie imprese aventi le seguenti caratteristiche:

  • essere costituite in forma di società di capitali;
  • avere sede o unità locale in Friuli Venezia Giulia e/o in altre regioni dell’area Alpe Adria;
  • aver realizzato negli ultimi tre bilanci approvati un risultato netto di esercizio non negativo ed una differenza non negativa tra valore voce A e voce B ex art. 2425 cod. civ.; in assenza di bilanci già approvati per gli esercizi precedenti a quello in corso al momento della valutazione evidenza del rispetto di tali vincoli in base ai conti gestionali interni dell’impresa.

Contatti

Biovalley Investments S.p.A. ha  sede a Trieste in via Flavia 23/1 – 34148, c/o BIC Incubatori FVG

Telefono 040 8992219

e-mail :   mailto:info@biovalleyinvestments.it

PEC :       biovalley@legalmail.it